Specialisti in appartamenti in affitto

Confedilizia chiede di ripristinare la detrazione del 15%

febbraio 11, 2013 • Affitto, Attualità, Casa, Economia, Ici, Proprietari, Società, Tasse

La legge di riforma del mercato del lavoro (n. 92/’12) ha previsto, a decorrere dal 2013 (da applicarsi – quindi – con la dichiarazione dei redditi da presentare nel 2014), la riduzione dal 15% al 5% della deduzione forfettaria Irpef per i redditi da locazione (quale parte della copertura finanziaria del provvedimento).

Secondo Corrado Sforza Fogliani presidente Confedilizia, la deduzione del 15% è una deduzione forfettaria delle spese che sono a carico del proprietario che loca (imposte e tasse, manutenzione ordinaria e straordinaria, riparazione, assicurazione, amministrazione, rischio sfitto ecc.). Non è, quindi, un’agevolazione, ma semplicemente una modalità di determinazione del reddito da locazione.

Per tutte le attività, il reddito si determina al netto delle spese sostenute per ottenerlo. L’unica differenza è che, per i locatori, le spese non sono determinate analiticamente ma in modo forfettario. Fino a qualche anno fa, peraltro, tale deduzione era pari al 25%. Cifra che era comunque più bassa rispetto a quella che gli studiosi di estimo applicano in relazione al livello dei costi che gravano sul proprietario, calcolata in circa il 30%.

Conclude Corrado Sforza Fogliani: “L’aver portato al 5% la percentuale di deduzione in parola significa, in sostanza, negare – con una misura senza precedenti – il riconoscimento dei ‘costi di produzione’ di un reddito, quello da locazione. Questo, con misura di assai dubbia costituzionalità, posto che il reddito da locazione viene discriminato in peius rispetto ad altri redditi e perché, comunque, si assoggetta a imposizione fiscale un reddito superiore a quello reale, siccome depurato di costi (5%) all’evidenza insignificanti“.

Fonte: attico

Share

Una risposta a Confedilizia chiede di ripristinare la detrazione del 15%

  1. giampy scrive:

    Non c’e da stupirsi,i proprietari immobiliari sono tra due fuochi,cioè il capitalismo finanziario diMario Monti e l’odio pregiudiziale di una sinistra incapace di colpire i grandi finanzieri quindi obbligata a sfamare il proprio elettorato dando in pasto il ceto medio che e quello che si e sempre rifugiato nel bene casa.Non capisco in tutto ciò il comportamento di confindustria che applaudendo a questo esproprio di fatto(imu,tassa di scopo,tassa di registro,IRPEF,add. Comunali e regionali,costi legali,sfitti,costi di manutenzione,morosita,ecc) sminuisce il riconoscimento proprietà privata e nel contempo si priva di quel”cuscinetto”che e il ceto medio aprendo la strada alla sinistra.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>