Specialisti in appartamenti in affitto

Riparazioni di danni nelle case in affitto: chi paga

Riparazioni di danni nelle case in affitto: chi paga

giugno 24, 2014 • Affitto, Inquilini, Proprietari

Quando si devono effettuare delle riparazioni in una casa in affitto, la questione di chi deve pagare per tale sistemazione può sorgere. La risposta è semplice: dipende.

Di seguito vi spieghiamo i diversi casi possibili:

In anzitutto, la prima cosa da fare è attestare che la casa sia in ottime condizioni e che non ci sia nessun apparecchio o oggetto danneggiato, e in caso affermativo, segnalarlo sul contratto per evitare ulteriori malintesi.

Riparazioni di piccola manutenzione

L’inquilino deve pagare le piccole riparazioni necessarie, a causa dell’uso. Ad esempio, se si verificano crepe nel lavandino, o danni sul rivestimento o sul parquet, l’inquilino deve assumere i costi della riparazione, così come rifornire gli utensili di uso quotidiano che si rompono o si erodono.

Allo stesso modo, l’inquilino deve pagare per la riparazione e ristrutturazione degli impianti o attrezzature. In questo caso, il proprietario deve concordare con l’inquilino se le spese vengono condivise o meno, a seconda dell’usura. Ad esempio, in Svizzera, c’è una tabella che stabilisce la vita degli accessori, per definire la percentuale che ogni parte dovrebbe pagare nel caso di una riparazione ipotetica.

Riparazioni di danni nelle case in affitto: chi paga

Riparazioni di danni nelle case in affitto: chi paga

Riparazioni per la manutenzione della casa

Il proprietario deve pagare tutte le riparazioni per garantire il buon stato e la funzionalità dell’appartamento. È necessario ripristinare i difetti della casa a causa dell’età e farsi carico delle opere strutturali o riparare i danni gravi.

Nel contratto di affitto dell’appartamento, il proprietario e l’inquilino possono stabilire diverse clausule, a seconda dei loro interessi e delle condizioni dell’appartamento.

Cauzione

Se, quando lascia l’appartamento, l’inquilino ha fatto danni o macchie che non ha sistemato, il padrone di casa può utilizzare il deposito per pagare il restauro.

Riparazioni di danni nelle case in affitto: chi paga

Riparazioni di danni nelle case in affitto: chi paga

 

Fonte: condominioweb

Share

5 Risposte a Riparazioni di danni nelle case in affitto: chi paga

  1. Olga scrive:

    A Mosca per esempio sempre devi chidere al proprietario se si`puo fare riparazioni. Perche` se no – puoi pagare la multa.

  2. salvatore scrive:

    salve ho preso in affitto un’appartamento con regolare contratto e certificati ape,del buon funzionamento della caldaia etc.etc.,dopo 15 giorni che ci siamo trasferiti sono arrivate le sorprese ,la caldaia ha cominciato a dare dei problemi voglio premettere che si tratta di un’impianto compresa la caldaia anni 70/80 ho chiamato la ditta che ha fatto il certifiicato di buon funzionamento, e mi ha detto che la caldaia e’ da buttare ,dai tubi esce acqua marrone e a volte pezzi arrugginiti di metallo,come devo comportarmi visto che il proprietario continua a dire che la casa e’ perfetta?

  3. Gaia scrive:

    Buongiorno Salvatore,

    ti invitiamo a porre questo tuo quesito alla nostra Community, http://www.mioaffitto.it/community.html, i nostri esperti saranno lieti di darle tutte le indicazioni del caso con precisione.

    Un saluto
    Gaia di mioAffitto

  4. andrea scrive:

    salve il mio problema è il seguente: sono in affitto in una casa gia arredata. tra poco mi trasferisco, ma mi sono accorto che il mio gatto ha rovinato 2 poltrone. mi chiedevo se mi conviene farle sistemare da me o se invece conviene lasciare la caparra?? premetto che farle sistemare mi costa quanto la caparra ma usando un tessuto non del tutto uguale.

  5. Giovanni scrive:

    Salve,
    chiedo forse una domanda banale;
    vi è possibilità di rifarsi su danni subiti ad un mio immobile, a contratto scaduto e cauzione resa all’inquilino??

    grazie anticipatamente

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>