Specialisti in appartamenti in affitto

I migliori quartieri dove vivere a Venezia

venezia

ottobre 21, 2014 • TOP quartieri

Sei in procinto di cambiare città e ti è venuto il pallino della romantica Venezia? Ecco allora tutto quello che devi sapere per scegliere dove cercare casa nei misteriosi sestieri veneziani.

Elegante, preziosa, inimitabile, divertente, romantica: così è Venezia, gemma del panorama turistico veneto ed italiano, dove chiese, palazzi, antichi ponti, monumenti e piazze raccontano la vivacità artistica e culturale che ha segnato e segna ancora la storia di questa città.

Tante le opere artistiche che la rappresentano, di certo ci piace ricordarla come dalla scena del film del 1958 diretto da Dino Risi con Alberto Sordi.

Ma non solo turistica, Venezia é una città molto vivibile, vi si possono scovare ancora dei veri “venessiani doc”, certamente in calo, dato che al 2013 si stimano a meno di 58.000.

Se anche tu stai sognando di cercare casa a  Venezia, ecco alcuni utili consigli per te. In questa guida sui migliori quartieri dove vivere a Venezia troverai alcuni consigli preziosi per trovare subito la zona che più ti si addice.

Innanzitutto la cittá si divide in “Sestieri”, che sono i classici quartieri di tutte le altre cittá. A Venezia le cose più comuni hanno nomi particolari, pertanto le piazze si chiameranno Campi e le vie, Calli.

Perché tutto a Venezia é differente e circondato da un’aura di mistero come la nebbia che la avvolge da ottobre a marzo.

SAN MARCO

I migliori quartieri dove vivere a Venezia

Il cuore pulsante di Venezia risiede nella Piazza San Marco, non a caso l’unica piazza che da nome anche al Sestiere, proprio “San Marco”.

Si tratta della zona piú elegante e cara di Venezia, Il sestiere di San Marco è delimitato a nord dal Canal Grande; a sud, dove la Piazza guarda alla Laguna Veneta, dal bacino di San Marco; a ovest dal Rio del Palazzo; a est dal Rio de San Zulian.

Vivere a San Marco é consigliato a chi ama circondarsi d’arte e vuole vivere immerso tra i luoghi turistici piú rinomati, dal Ponte di Rialto alla Basilica, il Palazzo Ducale, a chi non importa pagare 5 euro il caffé pur di prenderlo al Caffé Florian, il bar frequentato dai piú grandi scrittori e artisti come Giacomo Casanova, Lord Byron, Ugo Foscolo, Gabriele d’Annunzio.

Se volete vivere qui, dovrete tenere in conto che si tratta di un quartiere caro e sempre affollato di turisti.

 

I migliori quartieri dove vivere a Venezia

CANNAREGIO (Canarégio)

I migliori quartieri dove vivere a Venezia

Il sestiere di Cannaregio è il più popolato e per estensione il secondo dopo Castello.

Cannaregio infatti occupa quasi per intero tutta la parte della città a nord del Canal Grande, estendendosi dalla stazione ferroviaria, a nord del sestiere di Santa Croce a cui è collegato tramite il Ponte degli Scalzi e il Ponte della Costituzione, fino a Castello, con cui confina a est e a sud quasi per intero, infatti confina con Campo San Bartolomeo, nel sestiere di San Marco.

Da questo sestiere si trovano i principali collegamenti con le isole di Burano, Murano e Torcello, oltre ad essere di facile accesso alla Stazione ferroviaria e quindi al collegamento con la terraferma.

Cannaregio è sempre stato uno storico quartiere popolare. Le zone poste esternamente verso la laguna (Baia del Re, Chiovere, San Girolamo) fino agli anni settanta erano considerate malfamate.

Una serie di interventi di riqualificazione, compresa l’edificazione di nuovi complessi residenziali su ex-aree industriali dismesse, hanno consentito il pieno recupero della zona.

In questo Sestiere vi si trovano delle sedi universitarie importanti come il polo di san Giobbe, sede del dipartimento di Economia di Ca’ Foscari, vi si trova una zona con costruzioni di tipo popolari pertanto i prezzi sono di certo piú accessibili. Sul lungo il Rio della Misericordia si potranno trovare tutti i bar per aperitivo frequentati da ragazzi del posto.

I migliori quartieri dove vivere a Venezia

CASTELLO (Casteo)

I migliori quartieri dove vivere a Venezia

Paragonando Venezia ad un pesce per la sua vista aerea, questo Sestiere potrebbe rappresentarne la coda,  si tratta del più esteso e il secondo per popolazione della città, Castello è l’unico dei sestieri veneziani a non si affaccia sul Canal Grande.

È un quartiere tranquillo, anche se come tutto il centro di Venezia non è propriamente economico.

Come per Canareggio anche qui tra le calli si respira la vera anima veneziana, inoltre, rivolgendo lo sguardo verso l’altro tra gli edifici, ci si scontrerá con i coloratissimi e tipici fili di panni stesi ad asciugare.

Qualche turista in piú si incontrerá soprattutto per il fatto che in questo Sestiere troviamo i Giardini della Biennale. Ecco quindi per gli amanti dell’arte moderna e di questo appuntamento a livello mondiale, quale miglior posto di Casteo per vivere.

Oltre al fatto che, di solito a fine giugno, vi si organizza la Festa de San Piero de Casteo, nella omonima piazza, sagra che si ripete da 213 anni,  ricco di eventi con serate musicali e pomeriggi dedicati ai più piccoli e serate di cabaret con alcuni comici di Zelig per stare in allegria.

I migliori quartieri dove vivere a Venezia

DORSODURO

I migliori quartieri dove vivere a Venezia

Viene delimitato a nord dai sestieri di Santa Croce e San Polo, dal Rio Ca’ Foscari e dal Rio Malcanton; a est dal Canal Grande; a sud comprende il canale della Giudecca e l’omonima isola che è amministrativamente considerata parte del sestiere.

Collegata al Sestiere di San Marco dal ponte dell’Accademia. È un quartiere giovane, consigliato a ragazzi universitari, data la sua vicinanza all’ Università Ca’ Foscari e Iuav, è considerato centro nevralgico per serate e aperitivi a Campo Santa Margherita.

Un simbolo dell’arte contemporanea tra chiede e palazzi settecenteschi é rappresentato dal museo del Guggenheim.

I migliori quartieri dove vivere a Venezia

SANTA CROCE

I migliori quartieri dove vivere a Venezia

Il sestiere di Santa Croce confina a sud e ad est con il sestiere di San Polo, inoltre a sud confina con il sestiere di Dorsoduro. A nord è delimitato dal Canal Grande ed è collegato a Cannaregio tramite il Ponte degli Scalzi e il Ponte della Costituzione.

Questi due ponti sono i mezzi di accesso dal cuore della cittá alle aree di collegamento con la terraferma. Il ponte della Costituzione, o Ponte di Calatrava, di recente progettazione e installazione, molto criticato per la sua struttura, collega l’area della stazione dei treni con la stazione dei bus.

Questo Sestiere sará sicuramente comodo per chi  non vuole rinunciare a vivere a Venezia, ma con l’ esigenza di doversi spostare verso la terraferma tutti i giorni. Sempre caratterizzata da edifici tipici, forse proprio per la vicinanza alle stazioni qui si perde un po’ di quel fascino della Venezia isolata.

Un po’ come in tutta Venezia tipiche sono le Altane, ovvero terrazze sui tetti. Ovviamente gli appartamenti che la possiedono, sono attici ed hanno un prezzo elevato. Vivere a piano terra, anche se piú economico, puó diventare un rischio per via dell’acqua alta.

I migliori quartieri dove vivere a Venezia

SAN POLO

I migliori quartieri dove vivere a Venezia

Il sestiere prende il nome da Campo San Polo, il più grande di Venezia dopo Piazza San Marco e dall’omonima chiesa.

Il sestiere di San Polo confina a nord e ad ovest con quello di Santa Croce, a sud con Dorsoduro, mentre per il restante perimetro è circondato dal Canal Grande.

La zona storicamente più importante è Rialto, dove ha sede l’omonimo mercato e si collega al Sestiere di San Marco tramite il Ponte di Rialto. Di certo una zona perfetta per aperitivi e cicchetti, nei bar che la sera si trasformano in punti d’incontro della “Venezia bene”.

Di certo la zona torna proibitiva e molto piú affollata di turisti, ma vuoi mettere l’incanto di scendere di casa e passeggiare per il Ponte di Rialto e perché no, durante il Carnevale, vivere le feste notturne e per lo piú segrete dei grandi palazzi veneziani dei dintorni?

I migliori quartieri dove vivere a Venezia

Certo é che Venezia é da vivere, non basterebbero le pagine di “le mille e una notte” per descriverne sensazioni, odori e sapori delle sue calli nelle diverse stagioni dell’anno nei diversi orari del giorno. Non basterebbe una vita per alzare gli occhi e non stupirsi ancora per ció che si sta osservando.

 

Share

Tags:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>