Specialisti in appartamenti in affitto

Vicini che fanno rumore, ecco come tutelarsi

Vicini che fanno rumore, ecco come tutelarsi

aprile 2, 2015 • Community

Il limite tra il diritto di essere liberi in casa propria ed il diritto alla quiete domestica è molto sottile e labile. Avete dei vicini che fanno rumore, ecco come tutelarsi.

Problemi molto comuni per chi vive in condominio derivano proprio dalla convivenza con gli altri, e tra i vari motivi di dispute condominiali vi è proprio il “rumore molesto” provocato dai nostri vicini come i tacchi sul pavimento, il televisore con volume troppo alto, lo spostamento di mobili durante la notte, l’ aspirapolvere di primo mattino, ecc.

E la lista di rumori molesti e fastidiosi potrebbe continuare all’infinito. Il problema lo sta avendo la nostra utente della Community, Cinzia, che chiede:

Come tutelarsi nel caso di vicini rumorosi?

Se effettivamente il vostro vicino ha abitudini o hobby la cui rumorosità supera la normale tollerabilità ed è sordo alle vostre lamentele, bisogna agire giudizialmente.

Vicini rumorosi

La legge vieta tutti quei rumori che superano i limiti della “tollerabilità”. A questo proposito, vi è un articolo del codice civile, l’art.844, che spiega in quali circostanze il rumore viene considerato oltre la normale tollerabilità.

Se si prova che il rumore comporta un rischio per la salute dei condomini, si può richiedere un provvedimento d’urgenza (ex art. 700 c.p.c.) presso il Tribunale del luogo in cui si trova l’abitazione.

Di fatti le immissioni di rumore possono riverbersi in modo negativo sulla psiche e sulla sua salute fisica di una persona.

Vicini che fanno rumore, ecco come tutelarsi

 Stress, mancanza di sonno, stati di ansia, attacchi di panico sono il minimo comune denominatore di chi deve convivere con questo tipo di situazioni.

Vicini che fanno rumore, ecco come tutelarsi

E allora, vi starete chiedendo, come Cinzia: cosa dobbiamo fare?!?

In primis vanno registrati tutti i rumori e va richiesto ad altre persone di testimoniare che il rumore supera i limiti della tollerabilità. Bisogna poi iniziare a chiamare le forze dell’ordine, anche solo per uno scambio di generalità, nel momento in cui gli agenti inizino ad intervenire in orari notturni, saranno degli indizi a riprova della veridicità delle vostre ragioni.

Con i verbali di intervento delle forze dell’ordine e con le registrazioni ci si puó quindi rivolgere all’amministrazione di condominio per diffidare il vicino facendogli pervenire una lettera legale di diffida.

A questo punto  il vicino non potrà giustificarsi con l’inconsapevolezza di star creando disturbo e il ripetersi delle medesime condotte potrà esser considerato come  fatto con cognizione di causa.

Se appunto le molestie non dovessero cessare sarà il momento di agire querelando il vicino, e apportando nella denuncia tutti i dati e le prove raccolti minuziosamente. Sarà infatti a partire da questa denuncia che dipenderà il tipo di reato commesso, e si puó arrivare a vere e proprie condanne per condotte persecutorie sussumibili nel reato di stalking.

Vicini che fanno rumore, ecco come tutelarsi

Fatta la denuncia-querela, si potrà agire anche in sede civile tanto in via cautelare che di urgenza, per ottenere la cessazione dei rumori molesti e l’adozione di misure necessarie a neutralizzarli (insonorizzazione degli ambienti a cura e spese del molestatore), quanto in via ordinaria per ottenere il risarcimento del danno integrale.

Il procedimento d’urgenza si richiede presso il Tribunale del luogo in cui si trova l’immobile e va inoltrata da un legale che ne verifica la sussistenza. Verrà nominato un consulente d’ufficio che valuterà le immissioni rumorose e che darà indicazioni sui rimedi più efficaci per risolvere il problema. Va ricordato comunque che la soglia di tollerabilità del rumore non è legata unicamente a parametri legali, ma è oggetto di valutazione da parte del Giudice.

Vogliamo comunque ricordare che prima di passare alle vie legali sarebbe utile provare ad entrare in contatto con il proprio vicino e specificare problemi e disagi. Di certo l’educazione civica è l’arma più veloce ed efficace, perchè non provare ad usarla?!

Share

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>