Specialisti in appartamenti in affitto

Risoluzione anticipata del contratto di affitto: novità 2017

Risoluzione anticipata del contratto di locazione: novità 2017

ottobre 5, 2016 • Affitto, Preferiti

Attraverso la risoluzione anticipata l'inquilino può abbandonare l'alloggio prima del limite stabilito nel contratto di locazione.

I contratti di locazione, possono essere risolti prima della sua data di scadenza. Per fare questo devono esserci una serie di condizioni, quest’anno ci sono alcune nuove caratteristiche da prendere in considerazione in modo che la richiesta sia lecita.

Risoluzione anticipata dei contratti di locazione

Il contratto di locazione standard contiene una clausola, la quale prevede che per lasciare l’appartamento, l’inquilino debba inviare al proprietario una raccomandata con ricevuta di ritorno.

Nonostante il contratto di locazione abbia una data di scadenza, ci sono delle situazioni impreviste per le quali è possibile abbandonare l’appartamento in anticipo: cambiare città per un nuovo lavoro, la famiglia si allarga, la coppia si separa, ecc.

Inoltre, il proprietario può chiedere agli inquilini di lasciare la sua casa per certi motivi stipolati dalla legge. Una procedura differente da quella che si applica in caso di morosità, comunemente chiamato sfratto.

Bisogna differenziare tra due possibilità nella risoluzione di un contratto di locazione: recesso se è l’ inquilino chi vuole risolvere il contratto, o disdetta se invece è il proprietario a chiederlo.

Se volete saperne di più sulle differenze tra i due casi e le ragioni per le quali può essere richiesta la risoluzione anticipata del contratto di affitto, troverete tutte le informazioni utili nei nostri articoli precedenti, in cui vengono spiegati in modo approfondito questi casi specifici.

Risoluzione anticipata del contratto di locazione: novità 2017

Novità 2017

Ci sono stati una serie di cambiamenti per far sí che il processo di risoluzione del contratto di locazione sia più veloce e più sicuro.

1. Una nuova caratteristica è che, in caso di contratto commerciale, la comunicazione deve essere effettuata almeno con 12 mesi di anticipo. Mentre nel caso di un contratto di affitto abitativo, il documento deve essere inviato con 6 mesi di anticipo.
2. Da quest’anno bisogna presentare all’Agenzia delle Entrate il modello RLI 2017 e pagare le imposte di chiusura tramite il modello F24 immettendo i codici risolutivi. I nuovi moduli RLI 2017 semplificano la procedura burocratica.
3. Allo stesso modo, per rendere il processo più veloce, ci sono alcuni documenti che possono essere autocertificati. Poi alcune delucidazioni devono registrarsi solo se le autorità o una delle parti fanno particolare richiesta.

Esempi e modelli scaricabili

Se hai bisogno di scaricare i modelli oppure di leggere le istruzioni per compilarli, potrai trovare tutto qui:

 

Share

Tags:

17 Risposte a Risoluzione anticipata del contratto di affitto: novità 2017

  1. giovanna scrive:

    Anche quando la casa sta creando problemi di carattere strutturale…(tubi rovinati,mancanza di degrassatore(obbligatorio credo di legge) Lavello che si ingorga perchè le tubazioni sono state fatte male..accessori bagno da cambiare perchè usurati dopo neanche 5 anni di affittanza. Queste cose dovrebbero essere messe sul piatto della bilancia. L’affitto viene pagato regolarmente e anche caro secondo la zona abitata.

  2. Simona scrive:

    A parte che in italiano si dice “i codici” e non “gli codici” , parlando di cose serie mi state dicendo che dal 2017 si dovrà presentare il modello RLI e pagare con il modello F24? Spero di non avere bene compreso perché altrimenti mi dovete spiegare qual era l’altro modo, il precedente, per comunicare all’Agenzia delle Entrate la risoluzione di un contratto di locazione. Perché è da sempre che si fa così; si, prima non si chiamava modulo RLI, ma modello C69, ma con prima intendiamo forse 5 anni fa? Per essere precisa dovrei spremermi troppo le meningi… Mah, cose più interessanti da scrivere ne avete? O forse io ho letto un altro articolo e non ho capito niente.

  3. Juan scrive:

    Gentile Simona, la ringraziamo per il suo commento. Abbiamo provveduto a correggere l’errore grammaticale, grazie ancora per la collaborazione.
    In quanto al RLI, sino al 31 marzo 2014 in fase di registrazione doveva essere presentato debitamente compilato, ed unitamente al contratto di locazione, il modello 69, oggi sostituito dal modello denominato Registrazione Locazioni Immobiliari (RLI) che riunisce in un unico modello tutti gli adempimenti fiscali previsti per la registrazione delle scritture inerenti i contratti di locazione.

  4. Giuseppe scrive:

    scusate, ma chi ha optato per la cedolare secca deve comunque pagare per la risoluzione anticipata del contratto?

  5. Juan scrive:

    Ciao Giuseppe,

    L’imposta di registro per la risoluzione del contratto non è dovuta se tutti i locatori hanno optato per il regime della cedolare secca.
    Tuttavia, è necessario comunicare la risoluzione anticipata presentando all’ufficio dove è stato registrato il contratto il modello RLI debitamente compilato.

  6. Claudio scrive:

    Ho stipulato con Il mio inquilino un contratto di locazione del tipo concordato 3+2 a cedolare secca, alla scadenza dei 3 anni (30.09.2016), senza preavviso, mi scrive un messaggio WhatsApp che ha pulito e messo in ordine l’appartamento lasciando le chiavi dentro lo sportello della caldaia che si trova all’esterno dell’appartamento. Le domande sono: posso prendere le chiavi e rimpossessarmi dell’appartamento, oppure devo procedere alle vie legali? Posso comunicare all’Agenzia delle Entrate la fine della locazione?

  7. Juan scrive:

    Ciao Claudio,
    grazie per il tuo commento, ti consigliamo di chiedere agli esperti della nostra Community http://www.mioaffitto.it/community.html
    Un saluto

  8. Anna Rita scrive:

    Ho un inquilino con contratto 4+4.
    Da quando è iniziato il rapporto è stato sempre moroso. Adesso di 4 mesi. È l unica casa che ho e devo tornarci a vivere io perché ora abito dal mio compagno che però è finita e quindi devo tornare a casa mia. Come posso riappropriarmi del mio appartamento prim a possibile. La legge tutela solo gli inquilini e non i proprietari.

  9. Gaia scrive:

    Buongiorno Anna Rita,
    ti invitiamo a scrivere il tuo caso nella nostra Community, dove esperti del settore potranno consigliarti che fare con un inquilino moroso.
    Grazie!

  10. Giuseppina Briata scrive:

    Il mio inquilino con contratto di locazione annuale scadenza 31 ottobre 2017 probabilmente lascerà l’appartamento nei primi mesi del prossimo anno.
    Che cosa prevede la legge?

  11. Gaia scrive:

    Buongiorno Giuseppina,
    ti invitiamo a scrivere il tuo caso nella nostra Community, dove esperti del settore potranno consigliarti che fare con il tuo inquilino.
    Grazie!

  12. Giacomo scrive:

    Salve, ho stipulato un contratto di locazione a uso commerciale,mio malgrado causa la crisi e quindi mancati guadagni ho deciso di chiudere l’attività commerciale e ho avvisato con due mesi di anticipo il locatore…non posso far fronte a altre spese e quindi ho deciso di chiudere;tengo a precisare che il locale è stato migliorato nella struttura con lavori di controsoffitatura,illuminazione e quindi elettrici,idrici e strutturali come pitturazione e pavimentazione e predisposizione di canna fumaria e servizi igenici a norma.Ora il locatore vorrebbe che io gli lasci delle attrezzature o arredi;come devo comportarmi?Grazie mille dell’attenzione e buon lavoro.

  13. Gaia scrive:

    Buongiorno Giacomo,
    la situazione è piuttpsto complessa, la invitiamo a chiedere alla nostra Community. I nostri esperti sapranno congliarla al meglio.

  14. pietro scrive:

    salve , volevo chiedere una informazione . Il modello F24 per comunicare il subentro ( senza registrazione) prevede un pagamento di un importo pari 67 euro , ma chi dovrebbe pagare questo importo il locatore , l’affittuario o il conduttore ? Io sono la persona che sta andando via dall’appartamento prima della scadenza contrattuale ( 4 mesi prima ) e ho trovato un altra persona che prenderà il mio posto , il proprietario mi ha incaricato di svolgere tutte le pratiche e pagare laddove richiesto ( 67 euro per F24 ) .
    prima di andare a svolgere tutte le pratiche e pagarle volevo sapere se effettivamente per legge devo essere io a farlo/pagarlo .
    Chiedo questa informazione onde evitare qualsia abuso.
    Grazie in anticipo
    Pietro

  15. Tiberio scrive:

    Volevo, se possibile chiedere un paio di cose, giusto per fare chiarezza, più per me che per altri. Io so che la Disdetta e la Risoluzione di un contratto commerciale sono due istituti giuridici diversi. Orbene, per come conosco io la materia, io so che la Disdetta interviene alle scadenze dei contratti, e cioè allo scadere dei 6 anni e, poi, allo scadere dei 12 anni, sempre per un contratto di tipo commerciale. In questo caso il conduttore o il locatore possono fare Disdetta ed impedire che il contratto si rinnovi per un ulteriore periodo di 6 anni. Allo scadere dei 6 anni ai sensi dell’art. 29 e allo scadere dei 12 anni ai sensi dell’art. 28 della legge 392/78. In questo caso, quindi, sempre per le locazioni di tipo commerciale, la Disdetta deve essere mandata 12 mesi prima o addirittura 18 mesi prima se trattasi di attività di tipo alberghiero. L’ istituto della risoluzione invece, disciplinato dall’art. 27 della legge 392/78 dice testualmente “E’ in facoltà delle parti consentire contrattualmente che il conduttore possa recedere in qualsiasi momento dal contratto dandone avviso al locatore, mediante lettera raccomandata, almeno sei mesi prima della data in cui il recesso deve avere esecuzione. Indipendentemente dalle previsioni contrattuali il conduttore, qualora ricorrano gravi motivi, può recedere in qualsiasi momento dal contratto con preavviso di almeno sei mesi da comunicarsi con lettera raccomandata”. A questo punto le domande: E’ così ? Mi sono perso qualcosa? La raccomandata per la risoluzione di un contratto di locazione commerciale deve essere spedita 12 mesi prima o solo 6 mesi prima?
    La ringrazio anticipatamente
    Tiberio

  16. Matteo scrive:

    Buonasera,
    avendo provveduto alla risoluzione del contratto inserendo una data errata, è possibile presentare una nuova risoluzione con data corretta che sostituisca la prima oppure, bisogna produrre una diversa documentazione?

  17. GERARDO scrive:

    Buongiorno, ho stipulato l’anno scorso con tre ragazzi un contratto di locazione 4+4 adottando il regime fiscale cedolare secca.
    Adesso dopo un anno due dei tre ragazzi hanno deciso di andare via, volevo quindi sapere come comportarmi in quanto si intende una cessazione parziale del contratto, e se è dovuta comunque l’?
    Grazie per la risposta

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>