Specialisti in appartamenti in affitto

Agevolazioni Iva sulla prima casa

Agevolazioni Iva sulla prima casa

aprile 12, 2016 • Preferiti, Tasse

In caso di acquisto della prima casa l’ importo Iva da corrispondere è fissato al 4%, vediamo quali sono i nuovi criteri introdotti per usufruire di tale agevolazione.

La prima novitá introdotta per l’ agevolazione sull’ importo in percentuale dell’ Iva da applicare per l’acquisto della prima casa é connessa alla categoria catastale dell’immobile.

Vengono quindi indicate chiaramente le categorie catastali che usufruiscono dell’importo in percentuale ridotto e quelle che invece saranno soggette all’ Iva piena pari al 10%.

Prima - Fino a ieri il criterio applicato per la distinzione dell’importo della tassa da pagare era determinato sulla base di quanto stabilito dal Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 2 Agosto 1969.

Ora - Con la novitá introdotta ora gli immobili soggetti all’agevolazione sull’ Iva verranno determinati in base alla categoria catastale di pertinenza.

Gli immobili rientravano nella categoria immobili di lusso in base alla presenza di determinati parametri tecnici quali la superficie, la presenza di particolari accessori come piscina e/o campi da tennis, le particolari qualità costruttive; tutti parametri di individualizzazione non inmediata.

Agevolazioni Iva sulla prima casa

Vediamo allora le categorie catastali che possono essere soggette dell’ iva prima casa al 4%:

  • cat. A/2 – abitazioni di tipo civile
  • cat. A/3 – abitazioni di tipo economico
  • cat. A/4 – abitazioni di tipo popolare
  • cat. A/5 – abitazioni di tipo ultra popolare
  • cat. A/6 – abitazioni di tipo rurale
  • cat. A/7 – abitazioni in villini
  • cat. A/11 – abitazioni ed alloggi tipici dei luoghi

Vengono esclusi gli immobili a destinazione non abitativa come uffici, studi privati e locali commerciali, e le abitazioni appartenenti alle seguenti categorie:

  • cat. A/1 – abitazioni di tipo signorile
  • cat. A/8 – abitazioni in ville
  • cat. A/9 – castelli e palazzi di eminenti pregi artistici e storici

Per richiedere l’agevolazione sull’ Iva, la richiesta dovrà essere effettuata al momento della stipula del contratto di compravendita.

L’acquirente, oltre a dichiarare altri requisiti soggettivi, dovrà dichiarare che l’immobile acquistato non appartiene alle categorie A/1, A/8 e A/9.

Con l’introduzione di questa novitá si arriva alla piena comparazione dell’ iva con l’imposta di Registro, infatti per quest’ultima, fin dal 1 gennaio 2014 viene richiesto che l’immobile non rientri nelle suddette categorie catastali per poter usufruire delle agevolazioni per la prima casa.

Share

Tags:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>