Specialisti in appartamenti in affitto

IMU 2017: come, quanto e dove pagare

IMU 2017: come, quanto e dove pagare

marzo 20, 2017 • Affitto, Preferiti

Qui troverete le scadenze previste ed in che modo si può effettuare il pagamento di questa tassa. Ecco tutte le informazioni che riguardano l'Imposta Municipale propria per il 2017.

L’Imu è la tassa che ha sostituito l’Ici a partire dall’anno 2012 ed insieme alla Tari ed alla Tasi definisce la determinazione dell’Iuc ovvero l’Imposta Unica Comunale.

IMU 2017: quando bisogna pagare?

Bisogna ricordare che i giorni da segnare in rosso sul calendario per quanto riguarda il pagamento dell’Imu sono due.

Il 16 giugno:  entro questa data dovrà essere stato pagato l’acconto dell’Imu. Prima si chiamava Tax Day e si accavallavano i termini per gli adempimenti di Ires, Irpef, Irap, Imu e Tasi. Per quest’ann, entro il 16 giugno dovranno essere corrisposti i pagamenti di Imu e Tasi; le altre dovranno essere versate entro il 30 giugno.

Il 16 dicembre: questa è la data del termine ultimo per il pagamento del saldo IMU 2017.

IMU 2017: come, quanto e dove pagare

Imu 2017: come pagare?

Esistono diverse soluzioni tra cui è possibile scegliere.

La prima soluzione e quella di utilizzare la versione cartacea del modello F24. Dovrete compilare tutto il documento correttamente: solo in seguito si potrà procedere al pagamento della somma richiesta per l’Imu 2017. Per farlo è possibile rivolgersi alle strutture che vi indichiamo di seguito ricordandosi di portare una copia cartacea del modulo correttamente compilata:

  1. Banca tramite assegni bancari o circolari;
  2. Ufficio postale tramite assegni postali, assegni bancari su piazza, assegni circolari, vaglia postali o tramite la carta Postamat;
  3. Equitalia, presso uno sportello degli agenti di riscossione con assegni bancari e circolari, vaglia cambiari.

In queste strutture sarà possibile anche pagare l’Imu in contanti o con carta Pagobancomat.

Imu 2017: come pagare per via telematica o attraverso il bollettino

Metodo obbligatorio nel caso in cui si sia titolari di partita Iva e soluzione che rimane aperta a tutti i contribuenti. Nel caso in cui si opti (o si sia costretti ad optare) per la modalità telematica ci sono differenti procedure che possono essere valutate:

  • utilizzare i servizi messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate come F24 Web o F24 Online;
  • tramite le opzioni di internet banking che sono offerti da vari intermediari convenzionati con l’Agenzia delle Entrate come banche e Poste Italiane;
  • per mezzo di ulteriori intermediari (Caf, professionisti o assciazioni) abilitati al servizio.

Per il pagamento dell’Imu è possibile, in aggiunta, compilare un bollettino sul quale segnalare oltre all’importo richiesto per il 2017, il codice relativo al comune, il numero di immobili per i quali si intende pagare la tassa e se il versamento corrisponde al saldo o all’acconto. Il numero di conto corrente da indicare è 1008857615.

 

Share

Tags:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>