Specialisti in appartamenti in affitto

Isee 2017: tutte le novità

Isee 2017: tutte le novità

febbraio 21, 2017 • Affitto, Preferiti

Lo scorso 15 gennaio 2017 sono scadute le dichiarazioni sostitutive ISEE presentate nel 2016. Tutti coloro usufruiscono di prestazioni sociali agevolate devono ripresentarle.

Che cosé l’ISEE?

Si tratta dell’ acronimo di Indicatore della Situazione Economica Equivalente, ed è lostrumento che permette a tutti i contribuenti che abbiano un reddito basso di poter accedere alle prestazioni sociali ed ai servizi di pubblica utilità godendo di condizioni agevolate.

Tutti i dati anagrafici, i beni mobiliari e immobiliari posseduti al 31 dicembre dell’ anno che precede la presentazione della DSU sono auto-dichiarati dal richiedente cosí come le prestazioni ed in parte acquisiti dall’Agenzia delle Entrate, il reddito imponibile IRPEF e i  trattamenti assistenziali, p

revidenziali e indennità erogate dall’Inps per ragioni diverse e non rientranti nel reddito complessivo ai fini Irpef.

La DSU MINI è la dichiarazione valevole per la maggior parte delle prestazioni sociali agevolate, qualora invece si vogliano richiedere particolari agevolazioni come prestazioni universitarie, socio-sanitarie o per minorenni, si dovranno compilare rispettivamente:  ISEE UNIVERSITA’, ISEE SOCIO-SANITARIO RESIDENZE, ISEE MINORENNI CON GENITORI NON CONIUGATI TRA LORO E NON CONVIVENTI.

E’ consentito  presentare un ISEE CORRENTE, nel caso in cui si abbia un ISEE che sia ancora in corso di validità ma si renda necessario richiedere nuove prestazioni in seguito a rilevanti variazioni del reddito dovute  ad esempio un’improvvisa disoccupazione.

Isee 2017: tutte le novità

Come ottenere l’ISEE?

É necessario presentare al Caf, Patronati, Associazioni di Categoria o Commercialisti la seguente documentazione:

  • Stato di famiglia;
  • Codice fiscale di tutti i membri della famiglia;
  • Giacenza media e saldo aggiornato al 31/12/2016 di tutti i conti correnti e depositi bancari e postali di cui si è in possesso;
  • Titoli di stato, obbligazioni, azioni, certificati di deposito, buoni fruttiferi , polizze di assicurazione sulla vita e ogni altra forma di patrimonio mobiliare di cui si dispone;
  • Visure catastali relative a terreni e fabbricati posseduti;
  • Capitale residuo del mutuo per l’acquisto o la costruzione di immobili;
  • Contratto di locazione con estremi di registrazione;
  • Ricevute e fatture dei canoni di affitto pagati.

Dopo avere consegnato tutti questi documenti sará necessario aspettare almeno una decina di giorni affinché l’Inps rilasci l’ISEE.

Le novità dell’ISEE 2017

  • Il valore della prima casa che influisce di circa il 60% in più rispetto al passato poiché il valore dell’immobile viene rivalutato ai fini IMU, con rivalutazione del 5%, e si riduce la  franchigia sulla componente mobiliare in funzione del numero dei componenti il nucleo. Inoltre ai fini di calcolo ora viene considerato anche l’eventuale patrimonio detenuto all’estero.
  • La prima casa con mutuo viene calcolata sul valore dell’immobile della parte di mutuo ancora da pagare e sulla franchigia per prima abitazione da calcolare in detrazione al reddito complessivo.
  • Le nuove franchigie prima casa, sono da considerarsi fino a 7.000 euro per chi vive in un’abitazione in affitto; fino a 5.000 euro per chi vive in un’abitazione di proprietà, con aumenti di 500 euro per ciascun membro del nucleo familiare successivo al primo, fino a un massimo di 7.000 euro e fino a 6.500 euro per ogni persona del nucleo familiare non autosufficiente.
  • Saranno ora compresi nel nuovo calcolo ISEE oltre ai redditi soggetti a tassazione Irpef ordinaria come l’indennità di accompagnamento per i disabili anche quelli a tassazione sostitutiva come i redditi da locazione soggetti al regime della cedolare secca.
  • E’ prevista una franchigia del 20% sui redditi da lavoro dipendente e da pensione sui quali sottrarre gli eventuali assegni per l’ex coniuge ed i figli.
  • Le spese per i disabili verranno considerate con valore diverso a seconda del tipo di disabilità, ovvero, se media, grave e non autosufficienza.

 

Fonte: fiscoetasse.com

Share

Tags:

3 Risposte a Isee 2017: tutte le novità

  1. cosimo zucaro scrive:

    Salve sono un lavoratore con un reddito basso e pago un affitto di circa 750 euro al mese .volevo sapere se era possibile avere delle agevolazioni statali.
    Cordiali saluti

  2. Monia scrive:

    L’affitto con riscatto come viene valutato?

  3. Claudia scrive:

    L’affitto riscatto come viene calcolato nell’inserimento ???

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>