Specialisti in appartamenti in affitto

Quali sono le tasse per affittare casa

Quali sono le tasse per affittare casa

agosto 28, 2017 • Affitto, Preferiti

Quando si prende una casa in affitto, bisogna affrontare varie spese e pagare alcune tasse. Ecco tutto quello che c'è da sapere su queste imposte e su eventuali sgravi fiscali.

L’ affitto non registrato (meglio conosciuto come affitto in nero) è nullo, ossia è come se non fosse mai stato firmato e quindi non esiste. Ció comporta che l’inquilino se ne può andare di casa quando vuole senza dover rispettare i termini contrattuali, può smettere di pagare senza il rischio di ricevere ingiunzioni di pagamento ed inoltre non può essere sfrattato con la procedure accelerata (che prevede al massimo due udienze in tribunale, ma che presuppone l’esistenza di un contratto scritto e regolarmente registrato).

Registrare un contratto di affitto è un onere che spetta al locatore entro 30 giorni dalla firma del contratto. Entro 60 giorni dovrá poi darne comunicazione al conduttore e all’amministratore del condominio.

Quando si cede una casa in affitto, il proprietario deve pagare essenzialmente tre imposte:

  • l’imposta di registro, che grava sia sull’affittuario che sul proprietario e deve essere versata all’atto della registrazione del contratto di locazione;
  • l’imposta di bollo;
  • l’imposta sui canoni di locazione singolarmente percepiti dal padrone di casa e che grava unicamente su quest’ultimo

Quali sono le tasse per affittare casa

Imposta di registro

Questa deve essere pagata quando si registra il contratto. La cifra dipende a seconda della casa affittato: per fabbricati a uso abitativo, l’imposta di registro è pari al 2% del canone annuo moltiplicato per il numero delle annualità; per fabbricati strumentali per natura, l’imposta di registro è pari all’1% del canone annuo, se la locazione è effettuata da soggetti passivi Iva, in tutti gli altri casi, l’imposta di registro è pari al 2% del canone; per fondi rustici, l’imposta di registro è pari allo 0,50% del corrispettivo annuo moltiplicato per il numero delle annualità; per tutti gli altri immobili l’imposta di registro è pari al 2% del corrispettivo annuo moltiplicato per il numero delle annualità.

Se il contratto di locazione è a canone concordato e la casa si trova in uno dei Comuni ad alta tensione abitativa è possibile ottenere una riduzione del 30% della base imponibile su cui calcolare l’imposta di registro.

Il corrispettivo annuo da considerare per il calcolo dell’imposta va assunto per il 70%. Il versamento per la prima annualità deve essere superiore a 67 euro.

Nel caso in cui l’inquilino versi una cauzione all’atto della firma dell’affitto, su tale somma non bisogna pagare l’imposta di registro; ma se il deposito è pagato da un terzo estraneo al rapporto di locazione, va versata l’imposta nella misura dello 0,50%.

Per i contratti di affitto che durano più anni si può scegliere di pagare l’imposta di registro al momento della registrazione oppure di pagare l’imposta di registro anno per anno (2% del canone relativo a ciascuna annualità, tenendo conto degli aumenti Istat), entro 30 giorni dalla scadenza della precedente annualità.

Imposta di bollo

L’imposta di bollo deve essere versata per ogni copia da registrare. L’imposta di bollo è pari a 16 euro ogni 4 facciate scritte del contratto e, comunque, ogni 100 righe.

Imposta dei canoni di locazione

I canoni di locazione sono un reddito per il locatore che deve dichiararli tutti gli anni all’Agenzia delle Entrate e sono tassati ai fini Irpef. Il locatore può scegliere tra due diversi regimi per dichiarare e tassare i redditi percepiti con l’affitto: il regime fiscale ordinario e la cedolare secca.

Il regime fiscale ordinario prevede che l’ammontare dei canoni, ridotto a forfait del 5%, sia qualificato come reddito fondiario e confluisca nel reddito complessivo tassato con l’Irpef. La cedolare secca, invece, è un regime di tassazione opzionale che prevede l’applicazione di un’imposta sostitutiva di Irpef, addizionali regionale e comunale e imposte indirette di registro e di bollo relative al contratto di locazione. In particolare, la cedolare secca implica una tassazione dei canoni in misura fissa, pari al: 21% del canone per i contratti a canone libero (quelli di durata 4+4 anni); al 10% del canone per i contratti a canone concordato (quelli di durata 3+2 anni).

La cedolare secca? Si esercita al momento della registrazione del contratto mediante la compilazione del quadro RLI oppure online attraverso uno dei software messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

Morosità

A partire dal 1° gennaio di quest’anno la mancata tassazione dei canoni di locazione è multata dal 90% al 180% del canone di locazione per la dichiarazione infedele; dal 60% al 120% per la dichiarazione omessa (con un minimo di 200 euro) se presentata entro il termine per quella del periodo d’imposta successivo.

I redditi da locazione devono essere dichiarati anche nel caso in cui l’inquilino fosse moroso. E’ possibile smettere di versare l’Irpef sui canoni di locazione non percepiti a condizione che la locazione sia a uso abitativo; che il mancato pagamento dei canoni derivi dalla morosità del conduttore; che quest’ultima venga accertata giudizialmente a seguito del procedimento per convalida di sfratto per morosità. Queste condizioni devono essere concomitanti.

Share

Tags:

6 Risposte a Quali sono le tasse per affittare casa

  1. anissa scrive:

    Informazione molto utile Nel caso di affitto per una personna di citandinanaza britannica, quale sono le regole ? Questa persona intende di viviere in Italia per un lungo periodo
    Grazie
    Distinti saluti

  2. ADRIANO scrive:

    Chi fa investimenti in titoli azionari viene tassato al 26% sulle rendite, non sarebbe, per omogeneità di trattamento, anche gli immobili a reddito fossero tassati al 26%? Immobili commerciali, produttivi, abitativi, a reddito tassazione unica e standard al 26% e magari con prelievo diretto.
    Investire in borsa o sul mercato immobiliare che differenza dovrebbe esserci per lo Stato?
    L’edilizia ha sempre dato lavoro ed è un settore molto amato dagli Italiani, rendiamola moderna: Tasse uniche al 26%.

  3. vito scrive:

    Il bollo è dovuto per ciascun foglio (un foglio = 4 pagine), non per ogni pagina. Se l’articolo sulle spese di contratto comprenderà anche i contratti transitori, sarà perfetto. Refuso a parte, evidenziato per i lettori meno attenti, l’articolo è molto utile e ben fatto. Mi è utile. Vito Nacci

  4. vito scrive:

    Chiedo scusa, il refuso appare in un articolo pubblicato altrove. Confermo l’apprezzamento per l’articolo. Cordialità. Vito Nacci

  5. silvia milesi scrive:

    Buongiorno Gaia. Vorrei approfittare della sua competenza per togliermi alcuni dubbi.
    Siamo inquilini in un appartamento che, per i primi tre anni ci è stato concesso alla condizione che accettassimo di registrare un contratto di comodato d’uso gratuito. Naturalmente pagavamo già l’affitto pari a quello del contratto standard 4+4 attuale.
    Senza soffermarmi sulle ragioni, vorrei sapere se, una volta registrato/messo in regola il contratto di finto comodato d’uso presso Ag.Entrate e ricevuta la richiesta di pagamento delle tasse in solido, la proprietà avrebbe diritto a rifarsi su di noi, in quanto non avendo ovviamente ricevute dei pagamenti per i tre anni di finto comodato, sarebbe la ns parola contro la sua.

    Inoltre, tra meno di 1 anno scadranno i primi 4 anni di contratto e temiamo che la proprietà per puro dispetto inventi una grave necessità per fare terminare il contratto in essere (ad esempio, che l’appartamento serve ad un congiunto). Come dicevo non entro nel merito e so che può dare dito a pensare che per fare una croce bisogna essere in due e quindi che anche chi scrive potrebbe avere parte della colpa. Ma non è così: è uno di quei casi della vita ove vi sono veramente da una parte i cattivi (per puro piacere di esserlo) e dall’altra i buoni.
    Così le domando anche se, una famiglia di padre, madre e bambino di 11 anni, pagamenti dei canoni sempre regolari, manutenzione immobile perfetta e buon comportamento coi vicini (2 famiglie parenti della proprietà, nessun amministratore né regolamento “condominiale”), può in qualche modo opporsi ad una eventuale disdetta dopo i primi 4 anni.
    Approfondisco solamente questa ultima ragione: il bambino deve finire la scuola media e la casa ci serve almeno per altri 2 anni.
    I contratti standard 4+4 se non erro, dovrebbero garantire una certa tranquillità alle persone…

    Grazie per la sua risposta.

    Famiglia Milesi

  6. Gaia scrive:

    Buongiorno Silvia,
    per questo tipo di domande le consiglio di chiedere direttamente alla nostra Community, contiamo con un gruppo di esperti, tra cui avvocati ed agenti immobiliari, che sicuramente sapranno chiarire al meglio i suoi dubbi.

    Grazie!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>