Specialisti in appartamenti in affitto

Pignoramento del conto corrente, ecco le novitá da luglio 2017

Pignoramento del conto corrente, ecco le novitá da luglio 2017

giugno 7, 2017 • Preferiti, Tasse

Non sono solo i debiti fiscali e le cartelle esattoriali a dare modo alla nuova Agenzia delle Entrate di pignorare il conto corrente del debitore senza dover passare dal giudice.

L’era di Equitalia finirà il  1° luglio 2017 per dare inzio inizia a quella dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, l’ ente pubblico che gestirá le cartelle esattoriali e, in genere, tutte le iscrizioni a ruolo e i procedimenti in corso.

Una gran novitá è che  potrà procedere al pignoramento del conto corrente in modo diretto, senza dover chiedere l’autorizzazione al giudice. L’Agenzia delle Entrate-Riscossione avrà la possibilità di pignorare i conti correnti direttamente, senza dover attivare la procedura di autorizzazione di un giudice perché la cartella esattoriale di pagamento è in sé già un atto esecutivo.

Dovuta alla fusione tra la società della riscossione e l’agenzia di accertamento, le somme saranno immediatamente bloccate, per gli importi a debito.

Il nuovo ente potrà accedere ai dati dell’Anagrafe Tributaria e dell’Inps, ottenendo così le informazioni utili per pignorare lo stipendio, la pensione, le indennità.

Il contribuente che riceverà la notifica del pignoramento conto corrente per bloccare l’azione dovrà presentare entro 60 giorni una richiesta di dilazione e rateizzazione. Accettata la richiesta di dilazione della cartella e pagata la prima rata del piano di ammortamento, il contribuente potrà presentare la richiesta di sblocco del conto corrente.

Il procedimento di incasso non sará automatico. Il contribuente riceverà prima i relativi avvisi e solleciti di pagamento. Dopodiché avrà 60 giorni di tempo per mettersi in regola pagando tutto il dovuto in un’unica soluzione, chiedendo di rateizzare l’importo oppure opponendo ricorso. In mancanza di almeno uno di questi passaggi e trascorsi i 60 giorni, la nuova Equitalia passerà al recupero coattivo che può consistere anche nel pignoramento del conto corrente.

Share

Tags:

3 Risposte a Pignoramento del conto corrente, ecco le novitá da luglio 2017

  1. pasquale scrive:

    quindi se ho capito bene devo prima aspettare che mi mandino una cartella esattoriale,,e da allora devono passare 60 giorni per il blocco del conto corrente? io ho un conto cointestato con mia madre ossono lo stesso bloccarlo??grazie se c e qualcuno che mi risponde ,

  2. Se sul conto corrente c0è solo la pensione corrente 650 euro mensili e l’indennità di accompagno pe invalidità al 100% di 512 euro mensili…affitto di 490 euro mensili….quanto può ipotecare equitalia? p.s.il conto corrente è a zero grazie

  3. Pi scrive:

    …e se con il rischi d’impresa non ha più la possibilità di pagare, ruba?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>