Specialisti in appartamenti in affitto

Idee per reciclare cose impensabili

Idee per reciclare cose impensabili

marzo 14, 2018 • Attualità, Preferiti

Sapevi che anche le gomme da masticare si possono riciclare? Anche i mozziconi di sigaretta. Eccoti delle idee per riciclare cose impensabili.

È un dato di fatto: la maggior parte di noi è d’accordo sul fatto che si debba reciclare, anche se a volte costa un po’ di fatica o non sappiamo con certezza dove vadano a finire gli oggetti che abbiamo accuratamente separato.

Per quanto ci sforziamo di indovinare cosa va in quale contenitore, ci sono tantissime cose che non sappiamo nemmeno che si possano reciclare, dovuto al materiale di cui è composto.

Non ti preoccupare, a continuazione ti lasciamo alcune soluzioni concrete per reciclare alcuni oggetti quotidiani, delle dritte per divincolarti meglio nel mondo del reciclaggio e del riutilizzo, due cose che vanno quasi sempre insieme.

Questa è una lista di oggetti difficili, a tutti noi è capitato di avere tra le mani questi prodotti e volerli riciclare… ma come? L’uso che si puó dare a questi oggetti ti sorprenderá!

 Gomme da masticare

Idee per reciclare cose impensabili

Le troviamo ovunque, in strada, sui banchi di scuola, attaccate ai pali… ormai invadono gli spazi pubblici! Le riconosciamo subito e ci infastidiscono alla sola vista. Per anni hanno rappresentato un rifiuto, seppur piccolo, dannoso e difficile da smaltire e riciclare. In teoria non si possono riciclare quindi sono da bittare nel contenitore dei rifiuti generici.

Si tratta delle gomme da masticare, nuove materie prime per la produzione di oggetti di design, grazie all’iniziativa di GUMDROP Ltd . GUMPoint si reputa soddisfatta del progetto messo in atto poiché grazie a questa intuizione hanno trovato un nuovo materiale in grado di trasformarsi in un gran numero di elementi: oggetti di design, stivali di gomma, sandali, telefoni cellulari, imballaggi e molto altro.

Mozziconi di sigaretta

Idee per reciclare cose impensabili

Sono il simbolo dell’inquinamento ambientale: le cicche di sigarette, la cui produzione si assesta intorno ai 6 trilioni all’anno, producono 1,2 milioni di tonnellate di spazzatura. A causa dei componenti chimici, non possono essere riciclate facilmente.

Come renderle, in parte, “amiche” dell’ambiente? Un team di ricercatori crede di aver trovato la chiave per rivoluzionarne l’impiego: i mozziconi potrebbero essere utilizzati per la produzione di mattoni di argilla cotta, in grado di intrappolare al loro interno gli agenti inquinanti.

La ricerca, condotta dagli studiosi del Royal Melbourne Institute of Technology e pubblicata sul Journal of Waste Management, potrebbe essere innovativa: “Il nostro report mostra che se solo il 2,5% della produzione annuale di mattoni incorporasse l’1% di mozziconi di sigaretta, potremmo completamente risolvere o almeno riequilibrare il problema dell’inquinamento dovuto a tali scarti”, spiega l’autore, Abbas Mohajerani.

Utilizzare le cicche per i mattoni avrebbe anche altri vantaggi: l’energia usata per produrli, grazie all’introduzione dei mozziconi, sarebbe minore e il prodotto finale funzionerebbe meglio come isolante. Inoltre, sarebbe privo di elementi nocivi, senza alcun rischio per la salute dell’uomo. Portare avanti questo metodo di riciclo, insomma, avrebbe soltanto effetti positivi: da una parte, il problema dei rifiuti tossici non smaltibili si ridurrebbe, dall’altro i mattoni realizzati in questo modo, trattenendo meglio il calore, permetterebbero di risparmiare più energie.

 Medicine scadute

Idee per reciclare cose impensabili

Il vostro armadietto dei medicinali pullula di farmaci scaduti  e non sapete che fare? Innanzitutto, non buttatelo nel cestino e nemmeno nello scarico del water: se non smaltita correttamente, qualsiasi tipo di medicina è infatti potenzialmente velenosa per l’ambiente. Nel nostro Paese la raccolta differenziata dei farmaci, scaduti o non più utilizzabili, è obbligatoria e si svolge con modalità differenti che variano da regione in regione. E’ quindi necessario consultare il sito del proprio Comune o della Regione di appartenenza per prendere visione dei regolamenti sulla raccolta differenziata dei medicinali scaduti. In linea generale, la raccolta si svolge attraverso appositi contenitori situati nelle farmacie e/o in specifiche strutture sanitarie in cui gettare il farmaco (pastiglie, creme, ecc.) privo di scatola e foglietto informativo: questi ultimi devono infatti essere buttati nei contenitori riservati al riciclo della carta.

Lampadine

Idee per reciclare cose impensabili

Ovviamente sono di vetro e di metallo peró non vanno in nessuno di questi due contenitori. Lo sapevate?

Nel nostro Paese, il consorzio Ecolamp è specializzato nella raccolta e riciclo dei rifiuti di illuminazione dal 2004.

  • Le lampade fluorescenti esaust sono rifiuti caratterizzati da alcune peculiarità. Sono costituiti in prevalenza da vetro, quindi risultano estremamente fragili.
Contengono mercurio, sostanza dagli effetti pericolosi I per l’uomo e per l’ambiente.
  • Le lampadine a basso consumo di energia, i tubi lineari e tutte le sorgenti luminose a scarica devono essere separate dai normali rifiuti urbani.
  • Le lampade a incandescenza e ad alogeni (contenenti il filamento metallico) non sono soggette a raccolta differenziata.

 

Share

Tags:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>