Specialisti in appartamenti in affitto

Come valutare un preventivo dei costi di ristrutturazione

Come valutare un preventivo dei costi di ristrutturazione

aprile 16, 2018 • Preferiti, Problema abitativo

Quando siamo nella situazione di aver cambiato o comprato casa o vogliamo affittare un appartamento che ha bisogno di una bella rinfrescata ci troviamo spesso a far fronte a dei lavori di ristrutturazione. Una delle più grandi difficoltà che si riscontrano è la valutazione e la comprensione di un preventivo che, la ditta edile che abbiamo contattato, ci ha presentato.

Le informazioni non sempre sono chiare, spesso i costi dei lavori di ristrutturazione sono indicati in modo generico e questo nella maggior parte indica che, in corso d’opera, i prezzi potrebbero subire delle modifiche risultando infine dei prezzi più elevati di quello che ci era stato preventivato.

Quello che cercheremo di fare è di fornirvi una guida al preventivo dettagliata che vi spieghi come valutare un preventivo in maniera corretta.

Innanzitutto, prima di procedere all’esempio di preventivo per i lavori di ristrutturazione, dobbiamo procurarci tutti i permessi necessari. Rispondiamo alla domanda quali permessi servono per la ristrutturazione della casa? I titoli abilitativi necessari sono: Scia, Cila, Attività di edilizia libera e Permesso di costruire.

Dopo aver ottenuto questi permessi possiamo finalmente procedere ai lavori di ristrutturazione.

Come valutare un preventivo dei costi di ristrutturazione

Come è strutturato un preventivo?

Nella ristrutturazione di un appartamento il preventivo lavori edili deve avere i seguenti passaggi:

  • interventi di demolizione/rimozione
  • impianti: elettrico, idraulico
  • isolamento/coibentazione
  • rifacimento del massetto
  • messa in opera pavimenti
  • tinteggiatura e montaggio di infissi e finestre
  • arredo ambienti

Una delle cose fondamentali che deve essere specificata nel preventivo è la potenza dell’impianto elettrico.  Ad esempio se in preventivo fossero proposti moduli da 240 Wp con una potenza complessiva dell’impianto di 3.00 kWp è evidente che il preventivo è stato compilato in maniere generica e superficiale.

Questi rappresentano il complesso dei lavori di rifacimento, tuttavia ognuno costituisce un’operazione singola. In ogni preventivo lavori edili quindi deve essere indicato: il singolo lavoro, il costo del lavoro per mq, e il totale complessivo del singolo passaggio.

Ad esempio, per una casa di 100 mq. Deve essere indicato: lavoro di demolizione, i mq della casa (in questo caso 100), il costo del lavoro di demolizione al mq (potrebbe essere 30€ ad esempio), e il totale complessivo che risulterà essere 3.000€.

Tutti questi passaggi devono essere esplicitati nella loro singolarità all’interno di un preventivo.

Riportiamo un esempio di un preventivo. Una ristrutturazione completa di una casa di 100 mq.

 

OPERA mq Costoxmq COSTO  
Demolizione

100

18€

1.800€

Impianto elettrico

100

40€

4.000€

Impianto idraulico

100

60€

6.000€

Isolamento pareti

100

50€

5.000€

Rifacimento massetto

100

30€

3.000€

Rifacimento dei bagni

13.000€

Rifacimento della cucina

3.000€

Sostituzione di infissi esterni e tapparelle

100

200€

2.000€

Tinteggiatura

100

30€

3.000€

COSTO TOTALE DEI LAVORI PREVENTIVATO

 

 

40.800€

 

 

Ovviamente tutti questi costi e calcoli sono indicativi. Servono solo per farvi un’idea di come deve essere la struttura e di cosa deve essere presente in un preventivo che ci viene presentato dall’ impresa.

In più insieme al preventivo devono essere calcolate e indicate le spese tecniche e le spese burocratiche:

I costi della cucina e del bagno devono essere presenti nel preventivo ma calcolati a parte in sezioni diverse. Su tutte queste se va aggiunto poi il calcolo dell’Iva che è del 10% per i lavori di ristrutturazione e il 22% per spese tecniche e burocratiche.

Questa guida vi sarà utile per capire come ottenere un preventivo perfetto, tuttavia il consiglio che vi diamo è quello di consultare più imprese edili e farvi fare più preventivi in modo che siate voi stessi a confrontare i costi e valutare quale sia la scelta più adeguata alle vostre necessità.

 

A cura di la redazione di Quotalo.it

Share

Tags:

2 Risposte a Come valutare un preventivo dei costi di ristrutturazione

  1. Giuseppina Acquaviva scrive:

    Devo sostituire due porte e relative persiane, in quale percentuale dovrò calcolare l’IVA?

  2. Wolfgang scrive:

    ottimo articolo e molto utile, grazie!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>