Specialisti in appartamenti in affitto

ASSOIMMOBILIARE/ A ROMA HOUSING SOCIALE PER 33.500 NUOVI ABITANTI

giugno 20, 2008 • Affitto, Attualità, Edilizia sociale, Problema abitativo

ROMA. La città di Roma potrebbe vedere nascere nuovi alloggi in un’area di 1,22 milioni di metri quadrati per circa 33.500 nuovi abitanti. Lo dimostrano i risultati di un primo studio effettuato dal Censis, per conto di Assoimmobiliare, che ha verificato la possibilità di estendere esperimenti di social housing nei contesti urbani con lo scopo di abbattere il costo delle case. Cresce la domanda di abitazioni in Italia che, secondo il Censis, è legata al forte incremento del numero delle famiglie: “In media – dice il Censis – nelle 14 più grandi città italiane in un anno si formano 46mila nuovi nuclei familiari, ma si realizzano circa 19mila nuove abitazioni”. Guardando ai giovani, sono quasi 310mila gli iscritti fuori sede nelle grandi città, a fronte di 21mila posti letto offerti dal sistema pubblico e religioso. I dati demografici e sulla mobilità urbana evidenziano una dispersione residenziale e una mobilità pendolare: dal ’91al 2007 sono aumentati i residenti delle prime cinture urbane (+11,4%) e soprattutto delle seconde corone (+14,9%). A questo va aggiunto anche l’aumento della presenza di immigrati e condiziona l’offerta degli affitti. Sono 645mila gli immigrati che vivono nelle 13 grandi città italiane: +80% rispetto al 2003, ovvero il 7% dei residenti.

Secondo il Censis, tra le risposte possibili, proprio la sperimentazione di forme più decise di partnership tra pubblico-privato nell’ambito del social housing con l’obiettivo di riuscire ad “abbattere il costo delle aree urbane, che incide fortemente sui costi finali”.

Fonte del 18 giugno: Virgilio News

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>