Specialisti in appartamenti in affitto

Proroga della dichiarazione imu a tre mesi

novembre 19, 2012 • Affitto, Attualità, Casa, Economia, Eventi, Ici, Proprietari, Società, Tasse

Dovrà essere presentata entro il 4 febbraio la Dichiarazione Imu solo in caso di interventi che abbiano apportato all’immobile variazioni rilevanti che possano determinare un cambiamento anche nel calcolo dell’imposta. Non c’è obbligo di dichiarazione per l’abitazione principale e gli immobili rurali a uso strumentale o iscritti al Catasto terreni.

Fra tre mesi, dunque. I tre mesi per la presentazione delle dichiarazioni si calcolano dalla data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del modello di dichiarazione, avvenuta lunedì 5 novembre.
I dati per la determinazione dell’Imu sono rimasti pressoché invariati rispetto a quelli richiesti per l’Ici, quindi chi negli anni passati ha già presentato la Dichiarazione Ici non dovrà presentare altri documenti a condizione che nel frattempo non siano intervenute delle variazioni che, di conseguenza, portano ad una diversa determinazione dell’imposta dovuta.

La Dichiarazione Imu dev’essere presentata per gli immobili che godono di riduzioni di imposta, ovvero fabbricati inagibili, di interesse storico, immobili per cui il Comune ha deliberato la riduzione dell’aliquota, beni merce, cioè destinati alla vendita, e terreni agricoli.

La dichiarazione è necessaria se il Comune non è in grado di accedere alle informazioni per verificare che gli obblighi tributari siano stati assolti correttamente. Per quanto riguarda l’abitazione principale, non c’è l’obbligo di dichiarazione perché il Comune conosce tutti i dati anagrafici e quelli collegati alla residenza dei componenti del nucleo familiare.

Si ricorda che la dichiarazione non è necessaria per gli immobili rurali ad uso strumentale e per gli immobili rurali iscritti al Catasto terreni, innanzitutto perché i Comuni possono accedere a tutti i dati disponibili sul sito dell’Agenzia del Territorio e poi perché gli immobili rurali, in particolare, devono essere dichiarati al Catasto edilizio urbano entro il 30 novembre. Quindi i dati sono reperibili per i Comuni allo stesso Catasto edilizio.

Fonte: attico

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>