Specialisti in appartamenti in affitto

Consigli per andare d’accordo col proprietario di casa

accordo

luglio 11, 2013 • Proprietari, Uncategorized

accordo

Una buon affitto significa anche andare d’accordo con il proprietario di casa, del resto stiamo abitando un immobile che per quanto lo sentiamo nostro, non lo è.

Ci sono delle cose da mettere in chiaro da subito, alcune prima di firmare il contratto di locazione ed altre mentre si sta vivendo nell’immobile. Andiamo a scoprirle.

 

Consigli durante la ricerca di una casa

  • Idee chiare: Cosa cerchi in un immobile? Il budget a quanto ammonta? A cosa sei disposto a rinunciare e di cosa assolutamente non potresti mai privarti?  Non andare a vedere un appartamento se non hai ancora trovato risposte a queste domande, rischieresti di prendere abbagli ed accontentarti del primo appartamento che vedi. La casa giusta per te esiste, bisogna solo avere un po’ di pazienza.
  • Preparati delle domande. Arriva preparato alla visita dell’appartamento, pensa a delle domande da porre al proprietario e non avere vergogna di chiedere tutto quello che non ti è chiaro.  Puoi perfino esigere di visionare le bollette per vedere quanto consuma l’impianto di riscaldamento.
  • Metti per iscritto gli accordi verbali. Se il proprietario dice che aggiusterà la crepa che c’è nel muro, annotatelo. Se dice che comprerà una lavatrice nuova, pure. Scrivi tutto e firmatelo ambedue.
  • Conosci tutti i dettagli della casa. In caso di perdite improvvise di acqua che faccio? Se ci fosse una fuga di gas dove trovo il contatore? Posso lasciare la biciletta nell’atrio? Esistono norme condominiali particolari? Chiarisci tutti i particolari, altrimenti ti troverai a telefonare ogni giorno al proprietario!!

 

Consigli prima di firmare un contratto di locazione

  • Leggi il contratto! Sembrarà una banalità ma non tutti lo fanno! Leggi attentamente tutte le clausole, puoi chiedere al proprietario di inviarti il giorno prima, una copia per email, cosicchè potrai leggerla con calma.
  • Cauzione. Devi sapere che l’ articolo 11 della legge sull’equo canone è ancora in vigore perché non è stato abrogato dalla riforma delle locazioni. Questa norma prevede che a titolo di deposito cauzionale possa essere corrisposta una somma pari a tre mesi di canone. Il proprietario, su questa cifra,  dovrebbe corrispondere gli interessi legali, anche se nella pratica succede che alcuni proprietari preferiscono scalare la somma dal canone di affitto. IMPORTANTE: il deposito cauzionale deve essere restitutito all’inquilino solo se questo ha adempiuto a tutte le sue obbligazioni, come il pagamento del canone mensile, la riconsegna dell’immobile non danneggiato e tutto quanto previsto dal contratto
  • Attivazione delle utenze: quando un appartamento è nuovo è importante stabilire chi dovrà farsi carico dell’attivazione delle utenze, come internet, luce, gas o acqua.
  • Sii razionale e comprensivo! Esistono leggende di inquilini che una volta preso in affitto l’immobile chiedono cose impossibili, ad esempio che gli si cambi una lampadina fulminata. Altri poi, pur sapendo che non sono accetatti animali da compagnia, si fanno trovare con due cani, un gatto ed un maialino vietnamita. Chiarisci bene, dall’inizio, tutti i diritti e doveri sia tuoi come inquilino sia del proprietario di casa.

 

Come si suol dire… Patti chiari, amicizia lunga.

 

Fuente:  Flickr

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>