Specialisti in appartamenti in affitto

Bookcrossing: la caccia al tesoro dei libri

Bookcrossing: la caccia al tesoro dei libri

maggio 5, 2015 • Attualità

L'idea è geniale e semplice, la motivazione grande e l'entusiasmo anche. Stiamo parlando del Bookcrossing, lo conosci già?

Un’attività che è arrivata in oltre 130 paesi del mondo ed ha come missione condividere la passione per la lettura e per i libri nei luoghi piú curiosi del mondo.

Si possono trovare nei luoghi piú impensati, libri solo apparentemente abbandonati che donano alle strade un colore diverso. Su una panchina, tra i rami di un albero in un parco, nelle vecchie ed ormai inutilizzate cabine telefoniche, vicino ad un cassonetto o su un marciapiede. Aprendo il libro la prima cosa a cui è impossibile non fare caso è un’etichetta con un codice: Bookcrossing. Questa iniziativa completamente gratuita fa sì che milioni di libri possano viaggiare per il mondo in maniera casuale. Un elenco di volumi con applicata un’etichetta sta viaggiando per il mondo, la quale informa sui precedenti lettori e sui paesi che ha attraversato il manuale.

Bookcrossing: la caccia al tesoro dei libri

Bookcrossing: di cosa si tratta?

Una maniera alternativa e totalmente nuova di scambiarsi libri, facendo in modo che siano loro ad incontrare i lettori e non viceversa. In forma del tutto naturale si è creata poi una Community di persone che condividono la passione per la lettura e che sono desiderosi di scambiarsi opnioni, suggerimenti e curiosi commenti.

Quali sono le sue origini?

L’idea del Bookcrossing nacque in Serbia nel 1970. Negli anni 2000, con internet l’iniziativa spopola nel web e dagli Stati Uniti moltissime persone iniziano ad appassionarsi ed a leggere e poi abbandonare libri nei posti piú curiosi.  Sul sito internet uffciale Bookcrossing.com ogni persona puó iscriversi e mandare i propri libri a fare un viaggio per il mondo. In che modo? Abbandonandoli per strada, in posti insoliti e facendo sí che qualcun’altro li trovi. Prima bisognerà registrarli, operazione possibile sempre dalla pagina web precedentemente citata, ed etichettarli.

Come funziona?

Tutti i volumi dopo essere stati registarti saranno identificabili mediante un codice (BCID) che dovrà essere ben visibile, sulla copertina o nelle prime pagine. Chi trova il libro dovrà entrare nella pagina web, inserire il codice e registrarne il ritrovamento. È consentito lasciare commenti personali  per poterne riportare le esperienze precedenti. Una volta letto, il libro dovrà essere rimesso in libertà ed abbandonato su una panchina o in un luogo pubblico qualsiasi.

Progetti paralleli hanno preso piede in tutto il mondo dopo questa iniziativa, per esempio il “littlebookcrossing”, una versione per i piú piccoli che si stanno avvicinando al mondo della lettura.

 

 

Share

Tags:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>