Specialisti in appartamenti in affitto

Cosa succede se non si registra il contratto di affitto?

Cosa succede se non si registra il contratto di affitto?

marzo 24, 2016 • Affitto, Preferiti

La Legge di Stabilità ha stabilito chiaramente quali sono le sanzioni per chi non registra il contratto di locazione nei tempi e nelle modalità previste.

Numerose sono le domande dei nostri utenti della Community che chiedono ai nostri esperti come bisogna comportarsi al momento di registrare il contratto di affitto. La legge di Stabilità 2016 ha stabilito norme molte chiare:

  • la registrazione del contratto è compito del proprietario di casa, che deve provvedere entro 30 giorni dalla sottoscrizione.
  • 60 giorni di tempo per comunicare all’inquilino e all’amministratore di condominio (se presente), il quale dovrá iscrivere l’inquilino nel registro dell’anagrafe condominiale.

Prima della Legge di Stabilità il compito spettava ad entrambe le parti, all’inquilino ed al proprietario di casa. Ora è un dovere solo del locatore.

Cosa succede se non si registra il contratto di affitto?

Cosa succede se il proprietario non registra il contratto di affitto nei tempi previsti?

Se la notifica di registrazione non arriva all’ Agenzia delle Entrate, il proprietario sará soggetto ad una sanzione pari al 120% dell’importo dell’imposta di registro. Sono previste poi altre somme nel caso di ravvedimento operoso, che sará possibile solo nel caso in cui l’irregolarità non sia stata notificata e se non fossero iniziate le dovute ispezioni.

Nel caso in cui il ravvedimento operoso si verificasse nei primi 90 giorni dopo il termine della registrazione del contratto di locazione la multa sará equivalente al 12% dell’imposta di registro dovuta, se dovesse verificarsi invece dopo il limite previsto dei 90 giorni, la sanzione è pari al 15%.

 Nessuna delle parti è tutelata

Anche se il contratto di affitto viene stipulato tra inquilino e proprietario di casa, ma non viene registrato all’Agenzia delle Entrate, è considerato nullo.

Né il locatario né il locatore saranno tutelati in nessuna maniera dalla legge. Se l’inquilino non paga l’affitto, il padrone di casa non potrá sfrattarlo e dovrá optare per altre vie piú costose e complicate. Dovrá infatti accusare l’inquilino del reato di occupazione senza titolo, ed i tempi per riottenere il suo immobile saranno molto piú lunghi.  Per il proprietario di casa sará vantaggioso dichiarare che la mancata registrazione del contratto di affitto fu accordata con l’inquilino che, a sua volta ne trasse vantaggio.

 

Tags:

2 Risposte a Cosa succede se non si registra il contratto di affitto?

  1. eugenio scrive:

    si può locare un immobile ctg catastale a4 per uso studio /ufficio?

  2. marco tropeano scrive:

    Buongiorno Eugenio. La locazione ad uso studio o ufficio di immobile con destinazione urbanistica A/4 e’ parzialmente fattibile.
    S’intende che la destinazione per natura e’ abitazione, ma puo’ usare l’immobile come cespite in locazione dell’azienda e detrarne (intero o parzialmente) il canone di locazione. Trattandosi di azienda e’ consigliabile consultarsi con il Suo commercialista che Le chiarira’ la possibilita’ di detrazione. marco

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>