Specialisti in appartamenti in affitto

Arredamento: l’ultimo trend sono i mobili di design in affitto

Arredamento: il trend dei mobili in affitto.

marzo 19, 2019 • Design, Preferiti

Rivoluzione per il mondo dell’arredo: arrivano anche in Italia i mobili di design in affitto. Una soluzione gradita soprattutto ai più giovani.

Quando si parla di affitto, molto spesso la mente ci rimanda agli immobili: da oggi non sarà più solo così. Sbarca anche in Italia l’ultimo trend in materia di arredamento per la casa: i mobili di design in affitto. Buone notizie, dunque, per chi è in cerca di idee per rinnovare il look della propria abitazione in maniera semplice e meno costosa rispetto ai metodi tradizionali.

Di necessità virtù

L’affitto dei mobili è una dinamica diffusa in particolare tra i più giovani, i quali per diverse ragioni legate alla carriera o allo studio tendono a preferire soluzioni di arredo meno vincolanti nel tempo. Ed è proprio tenendo conto di queste esigenze che, anche in Italia, iniziano a comparire sul mercato i primi elementi di mobilio in affitto: grazie all’ottima fattura e all’attenzione per il design, queste soluzioni si pongono l’obiettivo di coniugare funzionalità, estetica e salute del portafogli. Senza dimenticare la filosofia green: al termine del periodo di utilizzo, i pezzi saranno affittati da altri utenti oppure riciclati e utilizzati per le nuove produzioni.

Un trend internazionale

Quello dei complementi d’arredo in affitto è un trend sempre più diffuso, che sta rivoluzionando il mercato dell’arredamento a livello internazionale. Secondo quanto reso noto da un recente sondaggio curato dalla Resolution Foundation e riportato da The Guardian, in Inghilterra un giovane su tre afferma che non possederà mai una casa di proprietà. Un passaggio, quello dall’esigenza del possesso di un bene alla sua fruizione, che interessa dunque non solo gli edifici abitativi ma anche i mobili che compongono l’arredamento.

Tags: , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

/html>